Born Again

Cinema

Serpico.. chi era costui?

by on lug.01, 2010, under Cinema, Ispirazione, Resistenza umana, Simbolo

Serpico, chi era costui?
Ricordo il film di Sidney Lumet con Al Pacino. Il film che lo rese celebre in tutto il mondo.
Un film meraviglioso, che vidi da bambino, e da allora restò per me tra i più belli che abbia mai visto.
Serpico, solo una scritta sul muro o una medaglia d’onore?
Poliziotto italoamericano, personaggio improbabile, fuori razza e fuori tutto. Di quelli tipo Gandhi, di cui sembra incredibile anche solo immaginarne l’esistenza. Poliziotto Hippie, con quella lunga barba e occhiali neri, da ribelle in Harley Davidson più che da icona del poliziotto classico o del moderno professionista.. quella barba e quegli occhiali, quella camicia sgargiante… che Al Pacino incarnò a un tale livello da diventare più Serpico dello stesso Serpico.
Poliziotto fuori regola, cavallo purosangue, anche se di sangue misto. Che odiava gli uffici e faceva il lavoro duro, andava per le strade,sapeva mimetizzarsi e andare in ambienti che gli altri poliziotti nemmeno sfioravano e, se lo avessero fatto, li avrebbero riconosciuti lontano un miglio.
A volte viene un Alieno. Non sai che diavolo ci faccia lì. Come una puttana tra le orsoline. E il bello è che magari ti scopri che è più santa delle “pie sorelle”. Ti trovi un alieno, che ti chiedi, “ma con quanti cazzi di lavori potevi fare, che diavolo c’entri tu con la polizia..”
Ma sono questi, quelli dal bottone sbottonato, dalla parte imparata e subito bruciata, per ricominciare di nuovo, all’aria aperta, improvvisando e segnado il confine per poi oltrepassarlo. Sono questi..
“i servi disobbedienti alle leggi del branco..”
che aprono le porte che tutti tengono chiuse. E portano un ricordo di valore tra le leggi della fogna.
O solamente non muoiono di stanchezza.. di containere sigillanti, e di ruoli inamidati, di carriere programmate e di noia serale.
Ci sono vite che non seguono solo un binario. E forme di disobbedienza al servizio di più alte fedeltà.
Serpico era troppo ingenuo, o semplimente troppo idealista e Uomo per imparare la dura legge per cui tra i maiali devi saperti rotolare nella merda se vuoi sopravvivere. La buona, vecchia e dura legge del Clan, la gomma del silenzio, la pacca che ti cuce la bocca. Intasca e muto.. o almeno.. girati e sogna bambino.. che questo è il mondo dei grandi.
Si impara presto ad essere servi. Si impara presto a strisciare. Si impara presto ad arrendersi.
Si impara presto ad avere una scusa.
E quando tutti, ma proprio tutti partecipano alla porcilaia, non potrai che dire… “Vedete è proprio quello il sistema, se uno parla o si mette di traverso gli staccano il collo.. al massimo posso tirarmi fuori e vivacchiare in una mia nicchia di onestà dal capo chinato….”
Tantissimi sono così, le persone decenti che hanno un pò schifo, che sotto sotto provano ribrezzo, ma.. “che posso farci io?.. cosa posso fare contro una piramide?..”
E scegliamo la via del silenzio. E nel silenzio il male prospera come un contagio, come una pestilenza, come uno scappamento di gas nervino nella metropolitana di Tokio.
Ma altri, altri perderanno sempre la via della saggezza, il libro dei calcoli e delle opportunità, la scritta su cartone messa a tracolla “sono solo un piccolo uomo”.
Ci sono alcuni, pochi come i docici apostoli o come una “sporca dozzina” che andranno contro il Drago, senza pararsi prima il culo. E senza altro motivo che quello che, semplicemente, non possono fare altrimenti. Perché.. la merda deve pur trovare qualcuno che gli sbarra il passo..
Perché qualcuno si deve pure alzare e tentare di fermare l’orda della demenza.
Perché la vita non può essere solo tanti gessetti colorati a segnare sulla lavagna le speranze pietose o castelli chiusi in un cassetto, come uteri sotto contratto.
Alcuni hanno quelle passione fuori legge del tenere duro, costi quello che costi..
E, comunque la si pensi, Serpico era uno di questi..
Scoprì che tutta la polizia di Newyork era appestata da una tale corruzione endemica, tale da renderla una grassa puttana. La corruzione coinvolgeva ogni livello. I libri paga erano infiniti e cambiava solo il prezzo da versare. Serpico tentò a lungo di farsi ascoltare. Ma i capoccia tentarono solo di tenerlo buono con false promesse e di costringerlo in ogni modo a non.. parlare con l’esterno. Tutto tra noi.. magna magna.. arcana imperii.. non facciamo sputtanare, prego.
Dopo avere incontrato solo muri e ipocrisia, dopo essere stato ingannato e sabotato, dopo frustrazioni e insofferenza raccontò tutto al New York Times. Scoppiò uno scandalo violentissimo. Serpico fu fatto trasferire ad altro reparto e si fece in modo di fargli avere una brutta fine. Il gioco è semplice. Si fa una operazione ad alto rischio, retata di spacciatori. Tu vai avanti Serpico, ma.. mentre solitamente la squadra è subito dietro, in modo da intervenire e soccorrere all’istante l’apripista ferito, questa volta la squadra aspetto un bel mazzo di tempo dopo che Serpico, come era in programma, si beccò una bella pallottola. Contro le loro speranze riuscì comunque a salvarsi, perse quasi l’uso dell’orecchio e dovettero mollargli una medaglia d’oro al valore.
Venne, sulla scia dello scandalo scoppiato con l’articolo del New York Times e della quasi morte di Serpico, che fu subito vista con sospetto.. venne instaurata una commissione d’inchiesta guidata dal giudice Knapp che scoperchiò, per la prima volta, il pentolone. Dozzine di agenti, di detective, di ispettori, di dirigenti, furono arrestati o radiati, permettendo ad altri di dimettersi in silenzio, per salvare quello che restava della “faccia”.
La Commissione Knapp cercò di distinguere fra la grande corruzione e quella spicciola, quotidiana. Disegnò due categorie di poliziotti “on the take”, come si dice nel gergo, pagati dai criminali. I Vegetariani, i “grass eaters”, quelli che si accontentavano di brucare le banconote infilate nella stretta di mano, di fare la spesa e di cenare gratis nei negozi e nei ristoranti per non vedere quello che accadeva nei retrobottega. E i Carnivori, i “meat eaters”, i complici ingordi delle grandi organizzazioni, dei gangster, delle “famigghie”, delle quali erano la protezione e la copertura. Si parlò di “centinaia di milioni di dollari” ruminati o divorati ogni anno da vegetariani come da carnivori.
Ma Serpico dopo pochi anni, una volta calati i riflettori fu fatto fuori e allontanato.
Da allora inizio il suo grande viaggio. Durato trent’anni. Andò prima in Svizzera, e poi altrove.
Intanto il film di Sideny Lumet lo faceva entrare nella leggenda.
Da anni molti lo davano per morto. Invece è ancora vivo.. il buon vecchio Frank Serpico (come vedrete nell’articolo inserito di seguito, tratto dal sito de La Stampa)..  ha 75 anni.. i capelli annodati.. parla di medicine alternative, di Buddismo, di polizia se gli fate qualche domanda.. e ancora non sembra avere messo la testa a posto.
Alcuni uomini semplicemente seguono la strada sbagliarta, con testardaggine e folle idealismo, o forse..
semplicemente non accettano di morire per crescere..

PS: di seguito l’articol tratto da La Stampa
 

——————————————————————————————————————————-

Lo Zen e l’arte di essere Serpico

(http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/esteri/201001articoli/51567girata.asp)

Dopo 40 anni l’ex agente torna negli Usa, vive in un camper e parla di buddhismo
MARCO NEIROTTI
Nel self service biologico e salutista di Harlemville, l’uomo con i capelli lunghi e un’esistenza spalmata su settantacinque anni – quasi tranciata da una rivoltellata in viso quando ne aveva trentasei – è voce di nostalgia, stupore, rifiuto e quieta e progressiva caccia di quiete: «Dopo un’esperienza di quasi morte, come faccio a raccontarmi ancora? Sto ancora centellinando il seguito della vita». Ha cercato l’America in Europa e ora rispolvera l’Europa in America, dal Messico al Canada in camper, Mr. Serpico.

Frank Serpico, il poliziotto mitico, partì dalle strade di New York e il marcio andò a cercarlo e strizzarlo dentro i palazzi delle uniformi, dentro le pattuglie e i loro incontri, dentro i silenzi dei superiori. Emblema della rivolta dell’anima e dei sogni contro la quotidiana schifezza del potere, della corruzione avallata, rovesciò la sua impotenza, la sua verità soffocata dai superiori, su un giornale, il New York Times. Ne vennero fuori una biografia, poi un film dove Al Pacino fu più convincente di una definitiva sentenza di tribunale.

Al New York Times Frank è tornato a raccontarsi durante e dopo una colazione di passaggio: «Ho ancora incubi. Ho bisogno di aiuto e chiamo la polizia. Chi mi risponde? È la voce di un vecchio compagno di lavoro che mi odiava. Mi avvicino a una porta, incomincio a socchiuderla e quella mi esplode in faccia». Gli esplose davvero in faccia, mentre la sfondava, il 3 febbraio 1971. Serpico insisteva a metter nera sul bianco la corruzione a livelli sempre più alti nella polizia americana, veniva trasferito, finì alla Narcotici. Operazione a casa di uno spacciatore. Arrivano. Va lui avanti. Sfonda. E subito gli arriva una pallottola sul viso: «In genere quando c’è un collega colpito scatta tutto in tempi incredibili. Rimasi mezz’ora ad aspettare, sentivo che mi dissanguavo. Non avevo paura. Avevo il senso della fine e dell’inutilità». Vennero i soccorsi, vennero quando logica garantiva che le sue vene erano già svuotate, lui pallido, bianco, poi evanescente, tra poco rigido. Il tranello, la morte tessuta tra i «fratelli» di lavoro avrebbe chiuso il capitolo. Invece si salvò. Dopo gli aghi d’ospedale lo punse come un gelo la medaglia d’oro, l’onorificenza più alta. Oggi non ha scalfito l’amarezza, l’ha solo ricoperta di un sorriso affabile: «Quando ci credi, quando non sei sporco sei felice di consegnarla con una cerimonia. Non c’è mai stata una vera cerimonia. Era un incidente scomodo. Fu la porta girevole degli onori. Una medaglia come un pacchetto di sigarette. Tieni. Vai ora».

Va per l’America, quarant’anni dopo, il vecchio e solido Frank. Ci va in camper, e parla di medicina cinese, di erbe medicamentose, di shiatsu, di Zen, di musica etnica africana con i tamburi che ritmano il cuore. Con i capelli grigi raccolti in una coda di cavallo, con lo stesso sguardo suo quando incontrò l’11 febbraio 1998 a Roma l’allora vicecapo della Polizia italiana, Gianni De Gennaro per un’iniziativa di Micromega. Era identica la piega di labbra nel sorriso dell’ex sbirro irriducibile made in Italy e Usa e del giovane investigatore psicologico dalla brillante carriera legata anche alla comprensione dell’Oltreoceano.

Serpico: viandante made in Italy. Sua madre Maria Giovanna, nata in America e poi rientrata, sposò il napoletano Vincenzo Serpico, ciabattino. Stavano emigrando quando lei era incinta d’un primo figlio, ma poté partire solo lei, il marito la raggiunse dopo. Frank nacque nel 1935, crebbe nel ghetto. Ancora adesso parla di «bruccolino» per Brooklin, di giorni messo da parte a «embracitare» per ammuffire, di «dicere» per dire.

Aveva 17 anni quando si arruolò nell’esercito e «fece» per due anni Corea e Giappone. Tornò e, a vent’anni, fece gli esami per il Corpo di Polizia, uno dei migliori dieci. Là, a quel tempo, esistevano già gli agenti di quartiere. E lui era la strada. Imparava lì. Ha detto ora: «Ho fatto di tutto, dal barbone al rispettabile medico. Un attore vero. L’unica cosa che non potrei interpretare è me stesso». Però in quel frugare quotidiano palpa marciume oltre gli scalini degli ingressi di case infami e lo respira dalle uniformi e dai distintivi dei colleghi. Come l’altro napoletano emigrato in America, Giuseppe Petrosino, ingaggia una guerra. Contro la «Mano nera», il terribile Petrosino che finirà ammazzato appena arriva a Palermo nel 1909. Contro la «mano pulita» e «lurida» dei colleghi Serpico. Lo trasferiscono alla Narcotici, le sue denunce finiscono in nulla. Il sindaco Lindsay non vuole grane sotto elezioni. È solo, Frank. Lo è soprattutto nell’agguato che deve toglierlo di mezzo.

Ritira la medaglia ma se ne va. In Svizzera. Ma prima fa esplodere patacche e ornamenti di volti pubblici e pattuglie sfogandosi con un giornale, raccontandosi a Peter Maas che propaga l’esplosione con un libro. E la vampa la spande ovunque Sidney Lumet che di quella storia vera fa un film. Serpico è Al Pacino e Serpico ora dice: «Ad Al Pacino sarò riconoscente sempre. Ha capito tutto di me. Non ha creato un eroe, ma una vita». Quella che sta ancora vivendo, con il sorriso, i bonghi, il camper. Un americano qualunque.La storia del poliziotto newyorkese che smaschera la corruzione dei suoi colleghi è diventata un film nel 1973, quando il regista Sidney Lumet ha reclutato Al Pacino per la parte del protagonista. Il prototipo dell’eroe, Frank Serpico, all’inizio ha partecipato alle riprese sul set, ma in seguito è stato allontanato da Lumet che temeva un’influenza del poliziotto autentico sui suoi attori, soprattutto su Pacino. La pellicola è stata girata interamente per le strade di New York. La vicenda del «poliziotto onesto», come recitava lo slogan pubblicitario, è stata candidata all’Oscar in diverse categorie ed è valsa ad Al Pacino il suo primo Golden Globe come attore. Dal film è stata tratta anche una serie televisiva popolare negli Anni 70.

4.555 Comments :, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , more...

Wim Wenders.. Angeli e Calabria..

by on nov.28, 2009, under Cinema, Resistenza umana, Simbolo, video

Plakat_1himmel

Wim Wenders è uno dei più grandi registi viventi. Uno dei più grandi registi di tutti i tempi. I suo capolavori supremi non saranno mai dimenticati. “Alice nella città”, “Falso movimento”, “Paris Texas”…e  tanti altri.
Ma soprattutto i due film vertice, -per il loro simbolismo, la profondità e l magia- della sua filmografia..
“Il cielo sopra Berlino” e “Così lontano così vicino”. Mai film furono fatti così belli sugli angeli. E mai ne verranno fatti. Angeli così non si vedettero mai al cinema. E non si vedranno mai più.
Quei due film furono così ambiziosamente sublimi, da essere a volte sovraccarichi e “pesanti”. Ogni scena scolpita come se dovesse fare la storia del cinema. In realtà un film non può cambiare il mondo (ma poi ne siete così sicuri?)…ma solo chi riesce a fare un film “come se potesse cambiare il mondo” può toccare il Sublime.. solo chi crede nell’Impossibile e come il Fitzkarraldo di Herzog vuole portare un teatro nella foresta amazzonica, magari fallirà ma potrà creare la Musica.
Quegli angeli nel mondo immersi con un grigio atemporale e magnetico quando erano i loro occhi a guardare. Il colore sullo schermo quando erano gli uomini. Accanto ai pensieri, ai dolori, alle frustrazioni.. alle sfide.. non li potevi vedere.. non li puoi vedere.. ma venivano e toccavano, e consolavano e accendevano qualcosa.
Eterni testimoni e accompagnatori ma allo stesso tempo sottilmente innamorati della vta. Il loro grigio cosmico magnetico, la perfezione delle ere che si succedono al monto, l’eterno movimento nella sua perfezione.. li faceva all’improvviso desiderare l’imperfezione,
l’assurdo, la passione, la mela mangiata, il pazzo pazzo amore dell’esistenza umana.
QUEGLI ANGELI POTEVANO AMARE.
ERA LORO CONCESSO.
MA PER FARLO DOVEVANO PERDERE LA GRAZIA TRASCENDENTE E CESSARE DI
ESSERE ANGELI,
DIVENTARE MORTALI, COME OGNI ALTRO UOMO.
E ALLORA.. in questi film.. ALCUNI ANGELI SCEGLIEVANO DI PERDERE LA LORO PERFETTA ETERNITA’
PER AMORE..
SOLO PER AMORE…
Strazianti e mistici, quei film si incastonarono nella leggenda… in una scena l’angelo vede un giornale nell’acqua di un ruscello con la
morte di Willy Brandt, ed esclama “Salutamos Compagneros”.. ed è più che Willy Brandt, è il senso di linee che si sfiorano col mondo, di vicinanza ai sogni, spesso abortiti, di una nuova stagione.
E poi… perdersi nei loro sogni.. vorticando sul centro del mondo..
Berlino stupenda in questi due film.. Berlino magia che si allarga in cerchi su cerchi.. e un angelo d’oro al suo vertice… Alexander Platz.
Potevano volare quegli angeli, conoscere ogni pensiero degll umani. E tutta la storia accompagnarono fin dal principio. Dal primo uomo. Dai secoli dei secoli.
Eterni testimoni del Mistero del Mondo… perfetti nel loro mondo di cristallo impermanente, indissolubile per tutte le ere a venire.
Godimenti e trascendenze ignote agli uomini essi possono solcare.
Eppure per amore.. materia, fragilità, crisi, caduta, lotta per
l’esistenza, rischio, pericolo, morte..
Per amore alcuni di essi rinunciarono a tutto..
Per amore.. solo per amore…
Posso rinuciare ad essere tra i prediletti di Dio, tra le essenze supreme della creazione? Sembravano chiedersi..
Solo per amare, di amore totale, carnale e sentimentale.. un altro essere umano?
Alcuni sceglievano di farlo.. e queste “cadute” per amore.. con l’angelo che “precipitava” nel mondo.. sono alcuni dei momenti più alti.. e inarrivabili dei film…
Ma non è di questo che volevo parlarvi all’inizio. Sto tradendo il senso del titolo, portandovi in un viaggio per il quale  non avete pagato il biglietto. Avete pagato per un post corrispondente a un altro titolo. E adesso comincio a sentire borbotti e reclami, “ma che è sta roba?.. tutte ste minchiate e fregnacce sugli angeli?.. E che fracco ce ne fotte di questi registi pazzoidi per cinemaniaci bruciati?.. mi hai fatto perdere dieci minuti con ste boiate!.. voglio i soldi indietro.. anche i danni morali,, c’era Martufello in televisione e me lo sono perso per le tue stamberie…”
Va beh continuo.. per quei disperati due  o tre.. che ancora stanno continuando a leggere.. anche perché sono rinchiusi in casa, fuori
piove, la televisione e la radio sono rotte, il telefono pure, il cane ha la febbre, e il frigorifero è vuoto..
Wim Wenders questa estate è venuto in Calabria per girare un film..
“Il Volo”…
I film di Wenders non sono mai puramente realistici o documentaristici. Ma l’ispiraziione è lo spirito dell’accoglienza che vive in Calabria e alcune esperienze gioiello come Riace e Badolato.
Vedete non c’è quasi niente da salvare in Calabria. Ve lo assicuro. Lo sfascio politico, economico, ambientale, criminale, sociale è colossale. Quasi niente da salvare. E se una persona è onesta dovrà ammetterlo.
Una delle poche cose che rendono questo territori degno è l’Accoglienza.
Ho visto persone farsi in quattro sulle coste degli sbarchi per aiutare i clandestini ad approdare. E dare loro coperte, acqua e latte caldo, sistemazione. Gente comune anche… donne, ragazzi, uomini, vecchi.
E poi ci sono esperienze innovative, esperienze gioiello appunto. Come quelle di Riace e di Badolato.
Dove due esigenze e due spinte si uniscono per un bene comune, per un nutrimento reciproco, per una crescita che si potenzia.. perché Io cresco se faccio crescere Te.
In sostanza, detta con radicale sintesi… questi paesi erano semiabbandonati, avendoli buona parte degli abitanti lasciatili nel corso dei decenni per via dell’emigrazione esterna o anche interna
allo stesso territorio nazionale e calabro. Gli amministratori vedevano nel tempo arrivare molti disperati sulle coste calabresi.
E nacque l’intuizione. Dare alcune di quelle case a loro. Case vuote di paesi che stavano diventando fantasmi.
E così da una parte molti uomini e donne avrebbero avuto casa e accoglienza.. e dall’altra quei paesi avrebbero continuato a vivere.
Ed è di questo, di queste piccolo “utopie” periferice ai margini dell’Impero, di cui parla il film di Wenders.. oltre che della rappresentazione vivida dei momenti più drammatici ed emotivamente coinvolgenti degli sbarchi e dell’accoglienza.
Nel frattempo.. in un momento in cui ci sono paesi leghisti che inaugurano l’operazione “Bianco natale” per sbattere fuori gli immigrati clandestini dalle loro case in occasione delle festività natalizie, e in cui il comune di Milano dà l’ambrogino d’oro ai poliziotti delle retate vigliacche sugli autobus nella caccia all’immigrato; in cui si favoreggiano obblighi di denuncia per chi scova un clandestino, se ne rende ostico l’accesso alle cure e all’istruzione; si crea intorno ad esso un clima da terra bruciata.
Nel momento in cui navi militari italiane respingono barconi di immigrati in mare, senza controllo dei requisiti per lo status di rifugiati politici, con la Costituzione e la Convenzione di Ginevra messe nel cesso, trascinando l’Italia in uno dei punti più bassi della
sua storia….. In questo momento la Calabria inaugura una legge sull’accoglienza che è un’avanguardia.
Va anche aggiunto che forse è l’unico provvedimento degno di un governo regionale da dimenticare, ricco di traffici e lotte di potere, come tutti i governi regionali calabresi di ogni tempo.
Eppure gli angeli non sono.. non sono solo a Berlino…

Salutamos Compagneros

(Ho inserito dei video. Avvertenza iniziale.. prima di attivarli premete pause sul piccolo quadratino della colonna sonora del sito alla destra in alto dello schermo, per sospendere la colonna sonora del sito e poter vedere e sentire i video senza “interferenze”. I primi due video sono tratti dal “Cielo sopra Berlino. Il terzo è tratto da “Così lontano così vicino”.. e guardatelo bene, soprattutto all’inizio c’è una potenza visionaria, evocativa, mistica.. impressionante. Il quarto è una versione del video degli U2, “Stay”; canzone composta come parte della colonna sonora di “Così lontano così vicino”. Il quindo raccoglie immagini di clandestini, barconi e sbarchi. Qualcuno dirà che ho frantumato, con quest’ultimo video, l’atmosfera rarefatta e mistica dei video precedenti. Che ho rotto “l’armonia del contesto”. Ma questo post parla sì di Wim Wenders e degli angeli.. ma con una dedica speciale a chi sputa sangue, sudore e vita su questi barconi, con dietro storie e fughe, fame e speranza.. in fin dei conti ci sono Angeli anche per loro.. se questo è “rompere l’armonia”… mi si impali vossia…)

 

4.027 Comments more...

Essi Vivono

by on set.02, 2009, under Cinema, Resistenza umana

theylive1988dvd2

Quando ero piccolo fui folgorato vedendo questo film. Uno dei tanti debiti che devo a mio padre.
Era così straniante e allucinante, così ribelle, ironico e disperato.. così assurdo e radicale. Così diverso.. che non potei non rivederlo erivederlo. Anche questo un Classico.
Che per noi Classico non è catafalco, mausoleo o letture scolastiche. Ma carne viva. Anima nella notte. Ciò che continua a parlare anche nella spirale delle stagioni..e deglii anni.
“Io sono l’Ultimo e parlerò al Vuoto in ascolto”.. diceva una voce in uno degli ultimi bagliori equinoziali di Lovecraft.
Bene, questo è un classico.
L’esatto contrario di un.. “classico”.
Spermagenesi, germinazione perenne dei sentieri, stirpe invincibile delle sementi.. contro l’orgoglio vuoto dei simulacri.
E’ quando il volto può illuminare senza predicare. Senza suoni sospesi a mezz’aria.
Per la forza stessa che da esso promana. Per quella forza che non si stanca di correre. Per quella spinta da cui fu generato.
Le menti sono piene di merce stantia, pistolettate al rallentatore, yogurt scaduti. Parole, sì parole, parole che sono vuoto  a rendere, vuoto a perdere, echi di echi di un monologo elettrico ed esibito.
Interi scaffali sono nati già morti. E giorni su giorni sono stati lasciare cadere come tappi di bottiglia.
Carpenter ha sempre lavorato con pochi mezzi e materiale di scarto, creando, con quello che tanti altri avrebbero solo buttato, mondi di assoluta potenza.. Sapeva raccontare una Storia come pochi altri.
Nel 1988, nella piena goldenage del raeganismo, questo film uscì come una campana che suona a mezzanotte. Il film proietta in un futuro, che poi è un inquietante eterno presente, tutto il cuore di tenebra dell’edonismo reaganiano. La società dissolta nel culto del profitto e dell’egoismo inviduale. La casta dei broker e degli squali finanziari.
Il culto ossessivo del consumo. Consumo come droga, consumo come malattia. Capitalismo sfrenato. Vite di cartapesta deprivate di anima. Oligarchi e fiumi di poveri disprezzati e abbandonati.
Questo era l’edonismo reganiano. E sebbene queste tendenze non siano mai scomparse, mai come allora divennero Ideologia. Mai come allora furono celebrate. Mai come allora mostrarono il volto sotto la maschera. Queste tendenze ci sono sempre state. Ma raramente ci fu la disperazione di quei giorni, quando sotto un mare di messaggi subliminali e nuovi ricchi, implosione di locali e di moda.. ogni forma di idealismo sembrava bandita fino alle più lontane sfere.
Paradossalmente la nostra epoca meno ricca e trionfante di quei giorni ha generato più resistenza e meno rassegnazione a quelle potenti forze demoniche tuttora in opera.
Il film di Carpenter è un urlo rabbioso, ironico e visionario contro ogni forma di degradazione spirituale. Gli alieni nascosti tra noi
come un cancro sono simboli geniali di tutti quegli uomini che hanno annichilito il Mistero Sacro che portano in sé, per una vita di
consumo e cinismo.
Carpenter sa che radicalizzare rende potente la trasmissione del messaggio, e in tinte fosche riempie il suo film di un  furore apocalittico, che pochi film, prima, e anche dopo, hanno avuto.

Alla conclusione del post ho inserito tre spezzoni del film.
Il primo mostra i messaggi subliminali nascosti dietro le informazioni pubblicitarie, che i protagonisti riescono a vedere grazie a speciali occhiali neri. Quegli occhiali neri nel film sono “ciò che consente di vedere”. Metafora del “nuovo sguardo” solo col qual possono dissiparsi le illusioni e scrutare il Lupo dietro l’Agnello.
Il secondo è un discorso molto forte che appare su un canale televisivo clandestino. Lirico nella sua disperata Chiamata al Risveglio.
Il terzo è geniale nel  creare un Pathos apocalittico, che rende ipnotica la fascinazione che il film produce. Fascinazione del resto di un film che demolisce le fascinazioni. 
Ma tutto il film è ricco di momenti unici.

Un Classico ha una caratteristica da non trascurare Compagneros.. Un classico non muore, non ama morire, non sa morire. Proprio per questo sceglie la morte. Per ritornare ancora, come i vermi sacri di Dune, in interminabili soli.

1.991 Comments :, , , , , , , , , , more...

FUORI ORARIO, la Notte ci appartiene…

by on feb.28, 2009, under Cinema, Musica, Videoclip

intherain2
Le immagini del video che adesso vedrete qualcuno di voi le conosce..
Non solo Patty Smith… ma Fuori Orario.
E la notte andava.. mai prima dell’una.. e poi iniziava il regno del cinema.
Fuori orario, i film perduti, i film incredibili, i film invedibili. I film che nessuna televisione aveva il coraggio di trasmettere, o i grandi capolavori dei Maestri Supremi.
E la notte andava, nel fortino di Enrico Ghezzi, uno dei pochi territori perché la televisione potrà essere in futuro ricordata. E la notte era tutta per gli amanti, per gli occhi eccitati di visione.
Un appuntamento segreto la notte, Fuori Orario, non finiva mai, finoall’alba..
Metropolis di Fritz Lang.. e Fitzcarraldo di Wilhem Erzog… sontuose epifanie del cinema, droghe per gli occhi. I film di gangster anni 30, il selvaggio e blasfemo Bunuel. E il maestoso
Einsenstein, dalle fredde terre di russia. Trema la terra con AKIRA KUROSAWA, il titanico samurai del cinema giapponese. E rassegne su Fellini, Pasolini, Rossellini. E poi Visconti e l’epopea di “Rocco e suoi fratelli” e il silenzio assordante di “Morte a venezia”..
E i folli cavalieri king-fu del cinema psichedelico di Hong-Kong. E gli omaggi allo scugnizzo Troisi. Ma non c’erano barriere. L’apoteosi più alta che i film potevano toccare, lì fu toccata. Il grattesco, bestialmente provocatorio e millenaristico THE KINGDOM di Lars Von Trier.
Perchè la Notte potevi rifarti gli occhi.. si entrava gratis, solo dovevi essere un notturno marcio per sederti il prima fila..
Il mondo visto con gli occhi di Kaurismäki. Ingmar Bergman, zar di Svezia e il suo SETTIMO SIGILLO, dove il cavaliere ancora gioca con la morte e non verrà mai vinto, perché stavolta il
finale lo scriviamo noi. Ci facevi l’amore e sotto magari in sottofondo ORIZZONTI DI GLORIA di Stanley Kubrick. Il FRANCESCO duro, passionale, drammatico, lirico di Liliana Cavani, un Francescod’Assisi che nessuno ha mai visto. Le allucinazioni newjorkesi di Martin Scorsese in MAINSTREETS. L’epopea di C’ERA UNA VOLTA IN AMERICA di Sergio Leone.
E poi Chaplin.. e il cantore del West, John Ford.. e Arthur Penn, PICCOLO GRANDE UOMO..
E Henry Fonda contro gli undici giurati di Sidney Lumet..
E ancora… cose che nessuno mostra mai, che neanche i canali regionali hanno il coraggio di proporre..
Lo straniante cineme iraniano.. gli abissali silenzi delle terre oltre gli Urali.. il Patos e l’Eros dell’India.. E poi i film bestemmiati e banditi, film scomodi e rinnegati.. film anticommerciali di 45 ore (che venivano divisi a puntate naturalmente)..
Se non hai mai visto Fuori Orario, se non sei mai entrato in Fuori Orario, non saprai mai cosa veramente è , cosa veramente è stato il Cinema..
Tutto quello che vedi adesso, sulla maggior parte delle sale e su tutti gli altri canali televisivi non è che un briciolo di quello che è stato il Cinema, delle vette che ha potuto raggiungere, e di quello che un giorno potrà di nuovo essere, dopo la fine del Medioevo..
E poi non era solo Cinema quello che ci trovava ancora svegli, alle tre di notte sulle ali di Terence Malick o con Bob Dylan in PAT KARRET E BILLY THE KID.
E questa è la sigla di Fuori Orario.. quasi ogni notte dopo l’una, sempre dopo l’una..
Because the Night di Patty Smith. Le immagini del video sono tratte da L’ Atalante di Jean Vigo,un film in bianco e nero del 1934.. E’ proprio questa qua la sigla ufficiale, musica e immagini, che ti
portava nella tana del Bianconiglio..
E la canzone è stupenda, prima di magia e di nostalgia.. Di amore succhiato, teso, strappato, goduto, fino all’ultimo diapason prima che giunga l’alba..
PERCHE’ LA NOTTE E’ IL NOSTRO REGNO..
E LORO NON POSSONO TOCCARTI..
LA NOTTE APPARTIENE A NOI..
LORO NON POSSONO TOCCARTI ORA..
COME TI SENTI SOTTO IL MIO COMANDO?..
“Io vi lascio il giorno, ma la notte è solo mia..”
Because the night…

..

1.382 Comments :, , , , more...